Vita su Marte: cosa afferma la NASA sulla vita extraterrestre

vita marte

Quanto sia certa la vita su Marte non si sa, ma è possibile? Le imminenti rivelazioni della NASA sulla più grande scoperta degli ultimi anni sul pianeta Marte danno vita alle ipotesi più disparate e ottimistiche. Infatti, l’agenzia spaziale statunitense ha avvertito alcuni mesi fa che la scoperta della vita extraterrestre era inevitabile.

La specie umana non è sola nell’universo ed è la NASA che lo afferma. Questo lo dice attraverso le parole del suo capo scienziato: “Penso che scopriremo segni importanti che dimostrano che esiste una vita fuori dalla Terra nel prossimo decennio, è inconfutabile”. L’8 aprile ha affermato, inoltre, che le prove saranno evidenti entro i prossimi 10 o 20 anni.

Di quale vita extraterrestre stiamo parlando? Piccoli microbi, elementi elementari della vita, ma che dimostrerebbero che il pianeta Terra non è l’unico a ospitare organismi viventi. La NASA di certo non intende correre ai ripari. Tuttavia, prima o poi dovrà affermare, alla luce del giorno, che la vita al di fuori del nostro pianeta esiste.

Cosa afferma la NASA riguardo alla vita su Marte

E sul pianeta rosso, cosa afferma la NASA? L’agenzia americana, dopo la promessa fatta di fare un annuncio pesante in una conferenza stampa, ha confermato che è stata trovata la presenza di acqua liquida, in quantità, su Marte. La sonda Curiosity aveva portato alla luce ad aprile elementi che permettevano – quasi – di affermare che le molecole di H2O esistevano allo stato liquido sul nostro vicino pianeta, grazie alla scoperta di letti di antichi fiumi e alla presenza di materiali organici nel Gale Crater.

La presenza dell’acqua su un pianeta, dove poter riuscire a vivere, è una condizione essenziale per l’apparenza della vita. Ma la maggior parte della comunità scientifica ritiene che questo sia lontano dall’essere sufficiente. Abbiamo anche bisogno di un’atmosfera sufficientemente protettiva dalle radiazioni cosmiche. Cosa che non sarebbe il caso di Marte oggi. Ma ancora una volta, niente è scolpito nella pietra. Curiosity ha scoperto l’azoto nei nitrati sulla superficie del pianeta a marzo, in una forma che può essere utilizzata dagli organismi viventi.

A questo punto possiamo certamente affermare che l’ipotesi è ancora confutabile se si considera che sul pianeta rosso potrebbe esistere un oceano sotterraneo. Inoltre, la possibilità di vita microbica extraterrestre non è del tutto esclusa. Dopotutto, come è iniziata la vita sulla Terra? Non puoi certamente confutare questa nostra realtà!

provider-italiano-hualma Previous post Provider italiano: Hualma è nuovo, veloce ed affidabile