Progettazione CAD e CAM meccanica: storia, lavoro e software

cad e cam

La storia del CAD e CAM

Il CAD e CAM deve la sua nascita a Patrick Hanratty, imprenditore e informatico americano. Nel 1957 ideò il primo sistema CAD (acronimo di computer aided design) della storia, venne chiamato Pronto.

Dopo un decennio senza importanti innovazioni tecnologiche nel campo del cad, nel 1971, Hanratty, messosi in proprio, creò un nuovo sistema chiamato ADAM (automated drafting and machine). Ebbe molto successo in quanto poteva essere utilizzato su qualsiasi computer.

È dal codice di ADAM che negli anni iniziarono ad essere progettati nuovi sistemi come Catia e AutoCAD. Entrambi sono nati agli inizi degli anni ‘80. Solidworks, Solidedge e tanti altri sono ancora in uso nelle principali aziende che adoperano questa tecnologia.

I vari settori di utilizzo

Nonostante sia una tecnologia sperimentata per la prima volta nel 1957, è solo dagli anni novanta che programmi come quelli sopracitati iniziarono a diffondersi e far parte della routine lavorativa di qualsiasi professionista.

Il primo approccio al CAD fu in ambito architettonico e della progettazione degli spazi. Infatti, la facilità di utilizzo ha portato a sperimentare questa tecnologia anche in altri settori come quello della progettazione meccanica e dell’ingegneria civile (nel campo strutturale). Ambiti nel quale, essere assistiti dal computer potendo apportare modifiche ai progetti in tempo reale, ha semplificato il lavoro di questi professionisti.

L’evoluzione del settore meccanico

Di pari passo alla crescita del CAD, in campo meccanico ci sono state una serie di innovazioni che hanno portato ad un’idea diversa di lavoro in fabbrica. Agli inizi degli anni Sessanta venne inventata una tecnologia chiamata controllo numerico computerizzato, tutt’ora in uso e conosciuta da tutti come CNC.

Questa tecnologia si integra alle vecchie macchine utensili. Consente il passaggio dalla lavorazione manuale all’utilizzo di macchine con controlli su computer di bordo. Permette una produzione di massa con pezzi identici fra di loro (con una meccanica di precisione di un 0,1 micron), a costi inferiori e con una lavorazione che impiega molto meno tempo.

L’avvento del CAM

Il CAM (Computer Aided Manufacturing), ovvero la produzione assistita da computer, è una delle tecnologie più in voga al momento. Le aziende sono sempre più alla ricerca di cammisti (professionisti nell’uso del CAM) da inserire nell’organico aziendale.

Si tratta di una tecnologia che, integrata al CAD, permette di progettare un pezzo, stabilirne un percorso utensile e avviare la produzione del pezzo con un codice che, una volta generato, viene passato alla macchina CNC come linguaggio macchina.

Le differenze tra lavoro a bordo macchina e CAM

L’obiettivo è lo stesso, realizzare un prodotto finito, ma allora dove sono le differenze?

La realizzazione di un progetto con software CAD CAM si riferisce a personale altamente qualificato. Avviene in un ufficio tecnico e non più con comandi a bordo macchina. Si lavora in un ambiente più sicuro e limitando gli incidenti in azienda.

Inoltre, poter attuare compensazioni a seconda dei materiali utilizzati e dare dei limiti di tolleranza entro i quali i prodotti possono essere realizzati, usufruendo di simulazioni realistiche ad indicare se il percorso utensili possa essere realizzato o meno dalla macchina, gioca a favore del programmatore, permettendo una realizzazione di pezzi in tempi brevi.

I più utilizzati dalle aziende

I programmi più utilizzati di CAD e CAM, nel settore meccanico, variano da regione a regione e da azienda ad azienda. Lato progettazione fra i più diffusi si trovano Solidworks, PTC Creo, Solid edge.

Per il CAM iniziano ad essere utilizzati programmi come masterCAM o programmi CAD che permettono anche la programmazione come Catia e Fusion 360. Essi sono in grado di realizzare simulazioni accurate e dare le informazioni necessarie alla produzione del pezzo. Per diventare un esperto nella progettazione CAD CAM consigliamo di seguire un corso Fusion 360 professionale come quello erogato dall’istituto MAC Formazione specializzato e certificato per la formazione professionale.

portare clienti Previous post L’ADV online è utile per portare clienti in negozio?
differenze prestashop magento Next post Differenze tra siti in PrestaShop e Magento